SchemaSpy: il database reverse engineering

E’ abbastanza frequente imbattersi in database di una certa età, costituiti da decine o centinaia di tabelle. Come sono strutturate? Quali solo le chiavi esterne? Lo schema è normalizzato? Senza una adeguata documentazione è impossibile trovare il bandolo della matassa. L’unica alternativa è il reverse engineering. Ma avete mai provato a farlo manualmente? Ve lo sconsiglio e vi suggerisco di leggere l’articolo per trovare una soluzione rapida ed efficace.

SchemaSpy: il database reverse engineering

Chi lavora con database composti da molte tabelle ha spesso l’esigenza di riscostruire e documentare la sua struttura. Grazie a SchemaSpy questa operazione non é mai stata così semplice.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'invio dei cookies da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookies per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzarlo senza modificare le impostazioni o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi