Avast mette a disposizione vari decryptor per ransomware

La lotta contro i ransomware si fa sempre più dura. Il 2016 è stato un anno terribile e il 2017 non sarà da meno. Le varianti in circolazione sono sempre più numerose e sfuggono anche all’occhio più vigile degli antivirus.

Per questo motivo la parola d’ordine resta la prevenzione: stare molto attenti alle mail sospette con allegati (anche se arrivano da mittenti “fidati”) e ai siti su cui si naviga. E naturalmente proteggersi con una politica di backup adeguata.

Tuttavia, qualora ci si fosse imbattuti in uno di questi ransomware, si può provare a descrittare i file usando uno dei tool a disposizione. Ripeto che questi funzionano solo con specifiche versioni dei ransomware quindi non c’è garanzia di successo.

La Avast, omonima azienda produttrice dell’antivirus, ha pubblicato sul proprio sito un discreto numero di decrittatori. Quindi il consiglio è di consultarlo per vedere se nella sfortuna siete stati fortunati a beccare una variante già “sconfitta”.

Ecco il link https://www.avast.com/ransomware-decryption-tools

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'invio dei cookies da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookies per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzarlo senza modificare le impostazioni o cliccando su "Accetta" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi